La petizione, per inserire nel ristretto novero del Patrimonio culturale immateriale dell’umanità presso l’UNESCO, fu avanzata ufficialmente il 26 marzo 2011 con la presentazione del dossier di candidatura al segretariato di Parigi. Una richiesta che si collega all’ingresso della dieta mediterranea nello stesso pantheon ideale.